"L' economia è una cosa importante,
ma la realtà nella sua pienezza
e la vita nella sua complessità,
sono una cosa diversa"
Sedi Lombardia

Il giorno 29 dicembre 2016, presso la sede nazionale UGCons, è stata approvato il progetto di fusione per incorporazione dell’associazione


“Il Popolo dei Consumatori” nell’associazione “Unione Generale Consumatori – UGCons”


La fusione è il risultato cui si è giunto dopo una profonda riflessione volta a migliorare l’attività di rappresentanza e tutela dei consumatori e degli utenti.

Il processo di fusione per incorporazione avviato non si limita a una mera sommatoria delle preesistenti struttura, ma è animato dalla volontà di costruire un una nuova realtà nazionale, attraverso l’integrazione e la valorizzazione di esperienze, competenze e professionalità diverse.

La nuova UGCons si adopererà a favore della diffusione della cultura consumeristica, anche attraverso:

* L’ampliamento della struttura associativa, con una presenza capillare su tutto il territorio nazionale,

* una maggiore efficienza;

* incremento dell’offerta sociale,

* la promozione e lo sviluppo di iniziative volte alla crescita della cultura consumeristica;

* lo sviluppo delle esperienze informative maturate, con l’obiettivo di intraprendere un costante miglioramento delle azioni di conoscenza delle attività dell’associazione;

* la diffusione di una politica di servizio nei confronti dei consumatori utenti;

* l’individuazione di nuove forme di rappresentanza associazionistica-istituzionale più efficaci al perseguimento degli obiettivi sociali.

 

Per consultare il nuovo sito clicca qui www.ugcons.it

Lombardia

Sportello del consumatore Mantova

Via XXV aprile, 5 Porto Mantovano (MN) tel. 0376.1962461 previo appuntamento

Responsabile: avv. Salvatore Scalia

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

 

 


Le notizie della locale sezione:

POPOLO DEI CONSUMATORI: NOTEVOLE VANTAGGIO

(OMNIMILANO) Milano, 07 APR - Il Popolo dei Consumatori non concorda 
con quanto emerso dallo studio del Sunia-CGIL sugli effetti della 
cedolare secca sugli affitti, prevista nel decreto attuativo del 
federalismo comunale recentemente approvato dal Parlamento. Stefano 
Luccietto,presidente del Popolo dei Consumatori della Lombardia, 
l'associazione per la tutela dei diritti dei consumatori, è certo "che 
la nuova forma di tassazione comporterà un notevole vantaggio per i 
contribuenti. "In luogo delle ordinarie imposte sui redditi si pagherà 
un'imposta sostitutiva pari al 21% del canone di affitto. Se a ciò si 
aggiunge che la cedolare sostituirà anche l'imposta di registro e 
l'imposta di bollo sui contratti di locazione, il vantaggio è 
evidente. Inoltre il locatario, spendend meno in tasse", prosegue 
Luccietto "può contenere i prezzi dell'affitto". "Infine" conclude il 
presidente del Popolo dei Consumatori della Lombardia "sono convinto 
che la sua applicazione concreta potrà dare un impulso all'emersione 
della piaga degli affitti in "nero" portando anche alle casse comunali 
notevoli vantaggi economici».

Popolo dei consumtori a Romani: Benzina no aumenti ma tagli

(OMNIMILANO) Milano, 24 MAR - "La storia si ripete: così come successo 
in occasioni di precedenti crisi internazionali anche oggi in una 
situazione di lenta ripresa dalla crisi economica il prezzo del 
petrolio e di conseguenze dei combustibili sta rallentando la ripresa 
industriale e dei consumi. E' di ieri la notizia del decreto del 
Consiglio dei Ministri che ha incrementato di 149 milioni di euro 
annui il Fondo unico per lo spettacolo, compensando la spesa con un 
ulteriore rincaro dei prezzi della benzina". Così si apre la lettera 
aperta di Stefano Luccietto, presidente lombardo del Popolo dei 
Consumatori, al Ministro delle sviluppo economico e alle altre 
associazioni dei consumatori.
"Intendo chiedere a tutte le associazioni di unirsi alla mia richiesta 
al Ministro perché invece adotti, così come successo nel 2005, una 
riduzione delle accise statali sui carburanti. Tale riduzione potrebbe 
dare nuovo slancio all'economia e non limitare la ripresa economica e 
dei consumi. Questo porterebbe quindi un doppio vantaggio, favorendo 
le industrie, che non si troverebbero un aumento dei costi di 
produzione e di trasporto, e del consumatore finale, che non vedrebbe 
di nuovo eroso il suo potere di acquisto. Questo permetterebbe 
all'erario di non avere una diminuzione degli introiti in quanto la 
diminuzione delle accise sarebbe compensata dai maggiori introiti 
derivanti dall'aumento della produzione dei consumi interni".

POPOLO CONSUMATORI SCRIVE A ROMANI: "NO AUMENTI MA TAGLI"

Omnimilano-BENZINA, ASSOCIAZIONE POPOLO CONSUMATORI SCRIVE A ROMANI: "NO AUMENTI MA TAGLI"
(OMNIMILANO) Milano, 24 MAR - "La storia si ripete: così come successo in occasioni di precedenti crisi internazionali anche oggi in una situazione di lenta ripresa dalla crisi economica il prezzo del petrolio e di conseguenze dei combustibili sta rallentando la ripresa industriale e dei consumi. E' di ieri la notizia del decreto del Consiglio dei Ministri che ha incrementato di 149 milioni di euro annui il Fondo unico per lo spettacolo, compensando la spesa con un ulteriore rincaro dei prezzi della benzina". Così si apre la lettera aperta di Stefano Luccietto, presidente lombardo del Popolo dei Consumatori, al Ministro delle sviluppo economico e alle altre associazioni dei consumatori.
"Intendo chiedere a tutte le associazioni di unirsi alla mia richiesta al Ministro perché invece adotti, così come successo nel 2005, una riduzione delle accise statali sui carburanti. Tale riduzione potrebbe dare nuovo slancio all'economia e non limitare la ripresa economica e dei consumi. Questo porterebbe quindi un doppio vantaggio, favorendo le industrie, che non si troverebbero un aumento dei costi di produzione e di trasporto, e del consumatore finale, che non vedrebbe di nuovo eroso il suo potere di acquisto. Questo permetterebbe all'erario di non avere una diminuzione degli introiti in quanto la diminuzione delle accise sarebbe compensata dai maggiori introiti derivanti dall'aumento della produzione dei consumi interni".
241742 MAR 11

ASSICURAZIONE RC AUTO A QUOTA FISSA

PARTE LA RACCOLTA DI FIRME DEL POPOLO DEI CONSUMATORI DELLA LOMBARDIA PER L’ASSICURAZIONE RC AUTO A QUOTA FISSA

Lunedì 21 febbraio alle ore 11.30 a Milano il Popolo dei Consumatori della
Lombardia ha presentato alla stampa il programma di attività per l’anno 2011.
Tra gli obiettivi l'intensificazione delle attività e l'apertura di nuovi
sportelli dove i soci possano usufruire della consulenza legale e delle
attività di formazione e informazione sui propri diritti.

La novità più significativa, però, è rappresentata dalla prima raccolta firmeper istituire una copertura assicurativa Rc Auto a prezzi calmierati, al finedi contrastare gli indiscriminati aumenti delle polizze assicurative nonché ilmalcostume ormai diffuso in gran parte dell'Italia di utilizzare tagliandifasulli.
"Con questa petizione si afferma il diritto dei consumatori a non pagare i
disservizi relativi ai controlli sui sinistri delle compagnie" ha spiegato il
presidente regionale della Lombardia del Popolo dei Consumatori Stefano Luccìetto.

Per aderire alla petizione invia una e-mail all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o rivolgiti al nostro sportello di Milano in via Console Flaminio, 2 o nello sportello a te più vicino.

Per saperne di più clicca qui.

 

Progetto "Occhio alla truffa!"

Trovaci su Facebook